I castelli di Re Ludwig II

E’ grazie a questo sovrano bavarese che molti castelli sono stati edificati; Re Ludwig II, fece costruire 3 dei più famosi e stupendi castelli di tutta Europa, che rispecchiavano in pieno la sua personalità e la sua passione per l’arte e le antiche leggende tedesche.

Per avere un’idea più precisa di Ludwig e dei castelli della Baviera occorre visitare Neuschwanstein, il castello delle favole per eccellenza che ispirò Walt Disney per la dimora della Bella Addormentata. E poi Linderhof, un piccolo gioiello in stile rococò con un parco abbellito da fontane, padiglioni e una magica grotta dove Ludwig si faceva cullare dall’acqua all’interno di una barca a forma di conchiglia, e ancora Herrenchiemsee, la Versailles bavarese, dove emerge la sua passione e venerazione per il Re Sole. Ma anche Hohenschwangau, il castello dei genitori dove Ludwig passò la sua giovinezza e dove vennero ospitate personalità del calibro di Richard Wagner.

Ludwig voleva godersi i suoi castelli in beata solitudine, sono stati costruiti solo per lui, e probabilmente soffrirebbe parecchio se vedesse oggi milioni di turisti che li visitano ogni anno. E i visitatori di oggi stentano a credere che questi castelli siano stati costruiti appena centocinquant’anni fa, quando c’erano già le ferrovie, le grandi fabbriche e quando nella vita politica esistevano già i partiti politici e i parlamenti (quasi) democratici.

Neuschwanstein, il castello di Walt Disney

Sicuramente il più famoso e bello di tutta la Baviera, una meraviglia del mondo che ispirò persino Walt Disney per un suo classico intramontabile, ossia “La bella addormentata nel bosco”. Impossibile non trovare, infatti, delle similarità con il simbolo dei vari Disneyland sparsi per il globo.

Il castello si trova a circa 6 chilometri da Fussen ed è proprio da qui che parte la famosa Strada Romantica (o Romantische Strasse), che si snoda attraverso la Baviera fino ad arrivare a Würzburg.

L’esterno del castello è una visione mozzafiato, ma l’interno non è da meno, con le sue sale, lussuosamente arredate, i suoi affreschi e i suoi dipinti. E’ forse il castello costruito da Ludwig che meglio rispecchia la sua personalità.  L’edificio ha ispirato tantissimi artisti ed è stato ribattezzato “Castello delle Favole“. 

Così Re Ludwig II ne elogiò la bellezza: …la posizione è una delle più belle che si possano trovare, sacra e inaccessibile, degno tempio per l’amico divino che ha portato salvezza e vera benedizione a tutto il mondo.”

Castello di Linderhof

Il castello di Linderhof

Questo castello-villa fu il preferito del Re. Qui Ludwig II passò molti anni e, durante le sue diverse visite, promosse e finanziò importanti opere di restauro e di ampliamento come lo stupendo giardino ultimato nel 1880. L’idea del sovrano era quella di trasformare questo castello in una residenza degna della Regina Maria Antonietta. L’ispirazione infatti fu proprio la Reggia di Versailles per onorare la casata dei Borbone di Francia parenti del sovrano di Baviera.

Il castello è circondato da un meraviglioso giardino che termina con un imponente belvedere. Camminare nel parco circostante è molto rilassante e tra gli alberi è nascosta, tra le altre cose, una  piccola dependance in stile orientale, dato che Luigi II era un grande estimatore dell’arte turco-ottomana. Nel parco sono disseminati i piccoli gioielli architettonici, tra i quali una grotta artificiale con un laghetto e i cigni, costruita esplicitamente per la rappresentazione delle opere liriche di Wagner. Ludwig le faceva veramente rappresentare lì, ascoltandole come unico spettatore, in un ambiente quasi surreale e in assoluta solitudine. Gli interni, invece, stravolgono per la loro opulenza e il fasto: ci sono specchi, arazzi, sete, modanature d’oro e un arredamento ricchissimo.

Il Castello di Hohrnschwangau

Proprio ai piedi del Castello di Neuschwanstein, si trova il Castello di Hohenschwangau. È inconfondibile con la sua colorazione gialla e la sua struttura piuttosto tozza, soprattutto se paragonata a quella del castello vicino.

Questo castello non è stato costruito da Ludwig, ma il suo legame con il monarca bavarese è comunque molto forte. È qui che egli trascorse le estati della sua infanzia ed adolescenza insieme alla famiglia; ed è sempre qui che fece uno degli incontri più importanti della sua vita, con il musicista Wagner.

Le origini di questo castello risalgono al medioevo, il suo aspetto odierno è invece il risultato di ampie ristrutturazioni tra il 1832 e il 1837. Vedere questo castello con il suo arredamento e le sue decorazioni che richiamano il mondo della mitologia germanica è comunque molto utile per capire il carattere di Ludwig. Il solo cambiamento voluto da Ludwig è nel soffitto della sua camera da letto: egli fece dipingere un cielo stellato illuminato da lampade a olio.

Castello di Herrenchiemsee

Il Castello Herrenchiemsee

Tra tutti i castelli della Baviera, Herrenchiemsee è quello che rivela maggiormente l’ossessione di Ludwig per Versailles e la sua reggia. La somiglianza tra i due palazzi è tale che il palazzo viene chiamato “la piccola Versailles in Baviera“.

Si trova sull’isola Herreninsel al centro del lago Chiemsee, il più grande della Baviera. Per raggiungere il castello, dovrete raggiungere Prien am Chiemsee e da lì prendere un battello.

Il Castello doveva essere, nelle intenzioni del sovrano, la copia perfetta del palazzo francese, ma la sua morte prematura impedì che l’opera fosse portata compimento. Esiste un solo corpo centrale, l’ala sinistra è stata demolita e quella destra neanche iniziata. Al primo piano troverete un museo dedicato a Ludwig, alla sua vita, ai Castelli della Baviera da lui costruiti; una sezione è dedicata a Richard Wagner e alla sua musica.

Castello di Schachenhaus

Tra i castelli della Baviera legati alla figura di Ludwig, il Castello di Schachenhaus è sicuramente il meno popolare. Il re si rifugiava qui, sulle alte montagne bavaresi, in una dimora che è sicuramente meno fastosa delle altre, ma da cui si gode un panorama incantevole.

Si tratta infatti di un semplice chalet di legno frequentato solo dagli escursionisti alpini e da coloro che amano la figura del monarca triste e vogliono visitare tutti i luoghi da lui frequentati. Ma se l’esterno è molto modesto, gli interni sono degni del re: ancora una volta troviamo arredi lussuosi, vetrate e il soffitto stellato della sua camera da letto.

Il castello si trova a poca distanza da Garmisch-Partenkirchen, e per raggiungerlo bisogna camminare per almeno 3 ore e mezzo. Ludwig in generale usava il cavallo o una piccola carrozza.

Dal momento che il soggiorno di Ludwig in questo luogo coincideva con il suo compleanno, il 25 agosto, in questa data viene celebrata una messa all’aperto per commemorarlo.

I castelli della Baviera

Reggia di Nymphenburg

Reggia di Nymphenburg

Re Ludwig II vide la luce proprio in questo castello; fu proprio per ringraziare la propria consorte per avergli dato un erede che il monarca in carica decise di regalarle questa fastosa residenza.

I lavori furono affidati all’architetto Agostino Barelli, che progettò il restauro del padiglione centrale già esistente; successivamente, fu Enrico Zucalli, un altro architetto italiano, che aggiunse le gallerie laterali.

Per la sua maestosità e bellezza, il palazzo rientra tra le più visitate residenze della Germania. Si trova nella periferia della capitale bavarese ed è facilmente raggiungibile.

Ti sei innamorato di questi splendidi castelli? Scopri il nostro tour cliccando qui.