EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Area Riservata

Effettua il login per accedere alle offerte che Easy Nite ti ha riservato.

Login

Blog

Festa_Della_mamma

La Festa della Mamma nel Mondo

Paese che vai… Festa della Mamma che trovi!

Che sia il lontano Oriente o il vicino Occidente, la figura della mamma è ovunque oggetto di riti e festività che variano a seconda dei differenti retaggi culturali.
In molte parti del mondo, Italia compresa, il giorno designato per simili feste è la seconda domenica di maggio, ma le similitudini spesso finiscono qui…

La festa della mamma ha un’origine molto antica: si celebrava già in epoca pagana, al tempo dei Greci e dei Romani, dove era legata al culto delle divinità femminili e della fertilità e segnava il rapido passaggio dal gelido e bianco inverno alla colorata e sudata estate .
Così come la conosciamo noi, fu proposta per la prima volta nel maggio 1870 negli Stati Uniti da una pacifista e femminista americana: Julia Ward Howe. Pochi anni dopo anche un’altra donna, Anna M. Jarvis, ebbe la stessa idea. Anna era profondamente legata alla madre e dopo la sua morte tempestò di lettere ministri e alte cariche pubbliche affinché venisse istituita una festa per celebrare tutte le mamme del mondo. Grazie alla sua insistenza e tenacia la prima festa della mamma venne celebrata a Grafton il 10 maggio 1909 e, solo nel 1914 il presidente americano Wilson decise di renderla manifestazione pubblica in onore delle madri dei soldati.

In Italia venne celebrata per la prima volta soltanto quarant’anni dopo, nel 1956, da don Otello Migliosi, ad Assisi, ma la prima giornata dedicata alla maternità “ufficiale” ha origini meno felici: è stata organizzata, infatti, durante l’epoca fascista, il 24 dicembre 1933. Si chiamava ‘Giornata della madre e del fanciullo’ e cadeva la vigilia di Natale: le madri con più figli venivano celebrate, rispecchiando la politica del regime che aveva interesse a difendere la maternità e l’infanzia.

La data della festa moderna non è mai stata imposta a livello globale e per questo è molto ballerina.

In Etiopia, ad esempio, la Festa della Mamma si festeggia sì la seconda domenica di maggio (come in Italia), ma la ricorrenza è “spalmata” su ben tre giorni di banchetti, balli e canti. La festa assume un’importanza particolare perché rientra nelle celebrazioni per la fine della stagione della pioggia e dunque associa la madre al più ampio concetto di riproduzione, eleggendola a simbolo di fertilità.

Dal 21 marzo 1956 però, anche in Egitto viene introdotta la festa della mamma con il significato moderno che tutti le attribuiscono ad oggi, ma fino a quella data la festa si rifaceva agli usi ancestrali del passato: il giorno scelto infatti era accostato al culto di Iside, la Dea Madre della religione egizia.

Nel Regno Unito invece, la festa affonda le radici in un’usanza vecchia di secoli ma che non ha connotazioni religiose: il “Mothering Sunday”. In questa giornata, che cade ogni quarta domenica di Quaresima, i figli della le famiglie inglesi erano soliti impegnarsi nelle faccende domestiche, mentre i giovani lavoratori facevano ritorno alle case natali per stare con le loro madri. Oggi la tradizione è ancora molto forte ed è norma che i figli preparino per le mamme una torta pasquale molto particolare con canditi e uvetta.

In Giappone, dove si festeggia nel nostro stesso giorno, è tradizione donare alle madri un bel garofano rosso, mentre in Thailandia la festa dedicata alle mamme cade il 12 agosto e coincide con il compleanno della regina Sirikit, madre dell’attuale sovrano re Vajiralongkorn. Durante questa giornata, l’intero paese è colorato da parate, decorazioni e spettacoli di ogni sorta.

Anche in Messico “El dia de la Madre” è una festa molto sentita: ogni 10 maggio, i figli portano a mangiar fuori le loro mamme (per allontanarle dalle faccende domestiche) e in ogni strada impazzano balli e canzoni popolari a tema!

Una festa profondamente sentita nel cuore di tutti gli abitanti del mondo… perchè la Mamma è la Mamma!

blog-single-loop


single.php